Per info  clicca su gli sponsor che sostengono il progetto per lo sviluppo del Telemark in Italia

@ Manda una mail al sito @                                   Aggiornato 15 lug 2014

menu

logo data 1

 

 

 

 

 

Intervento di Alessandro Rosseto 24-09-2012

 

Dopo aver letto il documento e i contributi sul sito, ho pensato che anche il mio parere possa essere interessante. Non di certo in qualità di "esperto", visto che pratico solo da un anno e non ho abbastanza conoscenze del mondo aziende/negozi/noleggi e scuole che gravita intorno all'ambiente dello sci, ma piuttosto in qualità di semplice utente.

 

Stufo, dopo 15 anni di snowboard old-school che ormai non esiste più, ed in cerca di qualcosa di nuovo per potermi di nuovo divertire sulla neve, ho conosciuto il telemark grazie al materiale che sempre più facilmente si trova sul web. Così, grazie a the white planet e tse ho indossato i miei primi sci sullo stelvio l'ottobre scorso. Da lì, da quei primi difficili passi per stare in equilibrio, grazie all'impegno delle persone, dei maestri e degli istruttori che condividono la loro passione, il telemark è diventato ben di più di quanto cercassi. Mi ha dato gli stimoli per mettermi d'impegno ad imparare ad ogni uscita sempre qualcosa di nuovo, mi ha insegnato un modo nuovo di vivere la neve e di vivere la montagna, mi ha regalato un sacco di nuovi amici, tante tante belle persone, addetti ai lavori e non, che con il loro entusiasmo mi hanno insegnato a percorrere ogni discesa con il sorriso sulla faccia. E adesso non vedo l'ora che inizi la nuova stagione.


 

Credo che le varie azioni, come i raduni, gli eventi più importanti, gli stand di tse, questo convegno, l'impegno dei maestri, delle persone e delle varie aziende, il passaparola e le discussioni più o meno filosofiche sul web siano tutti ottimi modi per raggiungere nuove persone. C'è chi non va ai raduni, c'è chi non cerca il maestro, c'è chi non segue il web, eccetera, ma più modi di incontro siamo in grado di creare e più aumenteranno le probabilità di farsi conoscere da chi ci sta cercando. Perchè secondo me non bisogna "convincere" chi non piega a mettersi in piega, ma bisogna dare l'opportunità a chi sta cercando, per qualsiasi motivo, un modo diverso di vivere la neve, di conoscere il telemark, lasciandogli poi la libertà di decidere se proseguire la ricerca altrove o se appassionarsi ed andare quindi a dar da lavorare ai maestri ed ai negozi.

 

Quindi grazie telemarkers, ci si vede a Modena o al più presto sulla neve
E grazie tse, buon lavoro!

 

 

 Tutte le foto pubblicate sono coperte da copyright, ne è vietato l'uso senza autorizzazione.